Articoli

Newsletter 2019

Fra le novità del 2019 va citata senz’altro la pubblicazione del nuovo cd monografico (Wergo label) dedicato alla compositrice tedesca Karola Obermueller, che contiene il ciclo pianistico Pulstastung, composto per Emanuele Arciuli e da lui eseguito.
Dopo un intenso periodo di concerti che ha portato Emanuele, fra l’altro, a New York (per il progetto Migrations organizzato da Carnegie Hall, in una serata in collaborazione con la Columbia University), in New Mexico (simposio internazionale di composizione di Albuquerque, artist in residence assieme al quartetto Arditti), all’Unione Musicale di Torino, al Verdi di
Pordenone, ai Pomeriggi Musicali di Milano, fra gli appuntamenti prossimi si segnalano un concerto con l’orchestra Verdi di Milano (in programma Domino di Einaudi), un progetto americano in collaborazione con la etichetta Naxos, un recital a Washington, l’esecuzione (in duo con Andrea Rebaudengo) di Macchine in eco di Luca Francesconi, con l’Orchestra della Rai diretta da J. Valchua, a Torino, Modena e Milano (Teatro alla Scala, per Milano Musica), un recital per Nuova Consonanza con una prima mondiale di Emanuele Casale scritta per E. Arciuli.
All’attività concertistica Emanuele unisce, naturalmente, quella didattica, ed è importante segnalare che, dall’Anno Accademico 2019-20, presso l’Accademia di Pinerolo si attiverà il “terzo livello” accademico di Pianoforte contemporaneo, in cui il pianista barese sarà affiancato da alcuni nomi di assoluto prestigio della scena internazionale.
Infine, dopo il successo dell’edizione del 2018, Emanuele prosegue nella sua direzione artistica del Bari Piano Festival, che si  terrà a fine agosto a Bari, in alcuni dei luoghi più suggestivi della città.

Newsletter Inverno – Primavera 2018

Il nuovo anno è cominciato con la registrazione – per l’etichetta Wergo – di Pulstastung, nuovo lavoro pianistico della compositrice tedesca Karola Obermueller. A seguire un ciclo di trasmissioni sulla musica americana per la radio svizzera, trasmesse a partire da metà marzo.

La stagione concertistica vede Emanuele Arciuli impegnato con alcune delle maggiori formazioni sinfoniche italiane: con l’Orchestra di Padova e Veneto (direttore Andrea Pestalozza) ha eseguito Ode to Napoleon di Schoenberg; seguiranno – con la Toscanini (Marco Angius sul podio) i Canti della stagione alta di Pizzetti e Deus ex Machina di Michael Daugherty. Con l’orchestra del Petruzzelli diretta da Dennis Russell Davies eseguirà invece il Concerto n.3 di Bela Bartók. Per il centenario della nascita di Bernstein, Arciuli eseguirà la Sinfonia Age of Anxiety con la Verdi (Jader Bignamini sul podio), per il Maggio Musicale Fiorentino (con John Axelrod), con la Cherubini al Ravenna Festival (Dennis Russell Davies) e a Palermo, ancora con Axelrod.

Tra le altre novità la prossima pubblicazione del Manuale del Pianoforte (edt) del quale Arciuli ha curato il capitolo “La professione del pianista”, e la prima edizione del Bari Piano Festival, di cui curerà la direzione artistica.